ANNO 2007 - QUINTA EDIZIONE

 

"...una grande festa. Come non se ne vedevano da tempo.

Tanti spettacoli si alternavano nel parco, nel castello. In ogni angolo accadeva qualcosa..."

 

GRANDE FESTA MEDICEA

CASTELLO DI CAFAGGIOLO

 

 

"...sette piccoli spettacoli teatrali. Sette episodi, ognuno con un suo stile, sparsi per il parco ed il castello..."

"L’Ombra Splendente"

di

Davide Morena

regia

Alessandro Riccio

 

con

Ilaria Cristini - Daniele Favilli - Monica Menchi - Michela Stellabotte - Carolina Gamini – Fulvio Ferrati

Alessio Nieddu – Sofia Calamai - Paola Galligani –  Daniele Melissi –  Livia Maddalena – Stefano Luci

 Daniele Bartolini – Anna Serena –  Gabriella Ceccherini – Lavinia Parissi

 

Donne medicee di fronte ad un mondo governato da uomini.

Sette piccole storie per scoprire volti e vicende nascoste all'ombra del grande stemma.

In un’epoca in cui i matrimoni erano celebrati per suggellare alleanze politiche,

l’Amore era sacrificabile alla ragione di Stato...

 

 

"...sembrava che quelli episodi non potessero accadere che in quei luoghi.

Quelle donne legate ai loro destini, costrette a ripetere per l'eternità le loro disperazioni,

le loro paure, le loro vittorie. Ombre nascoste all'ombra di un castello..."

 

 

CATERINA SFORZA

(1462 – 1509)

 

 

Eroica vedova di Giovanni de' Medici, deve prendersi cura del piccolo Giovanni (futuro "dalle Bande Nere") oltre che del ducato di Forlì.

 

Sulle sue terre ha messo gli occhi lo spietato Cesare Borgia, detto "il Valentino" che brama di assoggettare tutta Italia sotto il suo potere.

 

Dopo un terribile assedio, la Rocca di Ravaldino nel quale Caterina è asserragliata, viene espugnata e la donna fatta prigioniera

 

Ma lei saprà risorgere e tornare ad essere forte.

 

 

MARIA SALVIATI

(1499 – 1543)

MARIA SODERINI

(1487 - 1525)

 

Da poco vedove di Giovanni dalla Bande Nere e Pierfrancesco de' Medici.

 

  Vivono l'una al Trebbio  e l'altra a Cafaggiolo alle prese con i loro figlioli: Cosimo (che diventerà Cosimo I) e Lorenzino (che diventerà Lorenzaccio). 

 

Sono tempi duri per i Medici ma le due donne, seppur costrette a qualche ristrettezza, si sforzano di non trascurare la loro femminilità.

 

CATERINA DE’ MEDICI

(1519 – 1589)

Caterina, orfana ancora in fasce, viene allevata dalla zii Clarice de’ Medici e Papa Leone X.

Nel periodo in cui la Repubblica viene restaurata in Firenze e nella quale molti tramano vendetta contro i Medici, le due donne sono costrette a chiudersi nel convento delle Murate.

Un tragico destino sembra delinearsi per la futura Regina di Francia: chi vuole darla in pasto ai Lanzichenecchi, chi vuole lasciarla al pubblico ludibrio, chi vorrebbe impiccarla in Pazza della Signoria. 

 

CAMILLA MARTELLI

(1545 – 1590)

 

E' la giovanissima seconda moglie di Cosimo I,

dopo esserne stata per lungo tempo l'amante.

 

Ma la famiglia de' Medici non vuole riconoscerle nessun titolo, tanto meno quello di Granduchessa, neppure dopo la morte del vecchio Granduca.

 

Anzi, il nuovo granduca Francesco I, la fa rinchiudere nel convento di Santa Monaca, dove la donna da segni di squilibrio mentale e le sue nevrosi si fanno sempre più esasperate.

 

CLAUDIA DE’ MEDICI

(1604 – 1648)

 

Figlia di Ferdinando I, bella d'aspetto e di modi, viene data in sposa al truce Federigo della Rovere.

 

Vive con lui nel palazzo d'Urbino di cui sono reggenti.

 

Ma Federigo, al talamo nuziale, preferisce i bordelli e i teatrini di più infima categoria.

 

E per lei ci sono solo notti di solitudine.

 

VIOLANTE DI BAVIERA

(1673 – 1713)

 

La figlia dell'Elettore di Baviera va in sposa al Gran Principe  Ferdinando .

 

Ma il rampollo di casa Medici non la degna neanche di uno sguardo.

 

Violante è brutta, sgraziata, indegna anche della minima attenzione da parte di quel principe votato ai bagordi ed agli eccessi del quale essa ha avuto la sfortuna di innamorarsi.

   

ELEONORA GONZAGA GUASTALLA

(1685 – 1742)

 

Eleonora è la "soluzione perfetta" che il Granduca Cosimo III ha escogitato per salvare la casata dall'estinzione.

 

Morto Ferdinando, vedova Anna Maria Ludovica, sterile il matrimonio di Giangastone, non resta che "spretare" il fratello cardinale Francesco Maria e sposarlo alla giovanissima (e sicuramente feconda) Eleonora.

 

Ma tra celebrare un matrimonio e consumarlo c'è una bella differenza... 

 

 

 

COMPAGNIA

GIOVANNI 

DALLE BANDE

NERE

"...clangore di spade, grida. Un gruppo di curiosi si erano riuniti attorno a due soldati che combattevano. Dall'ardore dei colpi sembrava ci fosse una questione da chiarire, ma i sorrisi mal celati dei due scoprirono il gioco: erano lì per farsi ammirare in tutta la loro virilità..."

 

 

"...e lazzi e grida e risate. Poi d'un tratto uno scroscio di applausi. I due ringraziavano sorridendo, ma senza mai smettere di prendersi in giro l'uno l'altro per strappare l'ultimo sorriso..."

I GIULLARI FIORENTINI

 

 

 

 

Il Gran Corteo Mediceo

 

"...allo scoccare della mezzanotte il portone del Castello si schiuse. Il suono dei tamburi avvolse l'aria, a presagire qualcosa di solenne..."

 

"...sfilarono al lume delle fiaccole, in un silenzio quasi rituale, tutti i grandi personaggi della dinastia oramai scomparsa. Eppure erano tutti li, con i loro sguardi alteri e sicuri, a vegliare sulla loro città e sui loro sudditi..."

 

 

 

 

 

"...sparirono così come erano giunti, dal nulla. 

Tutto intorno fu di nuovo silenzio.  Ma ancora si sentiva nell'aria l'odore delle fiaccole e del sego..." 

 

 

Il Castello di Cafaggiolo

(Barberino di Mugello)